Come Abbellire Contenitori di Cucina

Nella guida seguente, vi saranno offerti alcuni consigli per abbellire i vostri barattoli. Alcuni semplici barattoli da cucina, per coloro i quali vogliono personalizzare e rendere originali gli oggetti della propria casa, o magari per fare qualche regalo unico.

Occorrente
Carta da lucido
nastro adesivo
pennarello a punta fine
Carta carbone
Resina
Matita
Rapidograph n.04
alcool
colori
vaschette
solvente
raschietto
pennelli
vernice protettiva

Scegliete il disegno da riportare sul barattolo e dopo avere deciso la grandezza ideale, riportatelo sul foglio di carta da lucido con l’aiuto di un pennarello nero a punta fine. Fissate con del nastro adesivo la carta da ricalco sul retro del disegno riportato sul foglio di carta da lucido, e posizionate così i due fogli sopra la superficie da decorare, fissandoli ancora col nastro adesivo per non farli muovere.

Ripassate il disegno con una matita dura e controllate che il disegno sia ben ricalcato. Togliete la carta da lucido. A questo punto il disegno sarà pronto per essere colorato secondo la tecnica preferita. Se volete potete ricalcare il disegno con una penna a china o con un rapidograph. Quando la china sarà essiccata potete procedere con la colorazione.

Se volete sovrapporre i colori diversi, ricordate sempre di far asciugare prima, la prima mano di colore, poi potete procedere con la seconda. Terminata l’opera e controllato che il colore sia completamente asciutto, applicate sulla decorazione una mano di vernice trasparente protettiva. Quindi lasciate asciugare per un’oretta circa.


Come Realizzare Sonagli a Forma di Pesce con il Quilling

I pesci, dalle mille tonalità, rallegrano qualsiasi ambiente, dal bagno all’ingresso. Seguendo gli interessanti suggerimenti proposti è possibile confezionare un sonaglio con allegre figure ricorrendo alla tecnica del quilling. Si tratta di una tecnica di decorazione che consiste nell’arrotolare e modellare piccole strisce di carta speciale colorata incollandole tra loro per formare fiori, foglie, piccoli animali e tutto ciò che la fantasia suggerisce.

Occorrente
9 barrette sonore di diverse misure
Sagome con pesci
Strisce di carta per quilling alta 3 mm (9 verde chiaro, 6 arancio, 3 verde scuro, 4 azzurre, 3 rosse, 2 giallo scuro, 2 nere, 2 viola scuro)
Fuso per quilling
Anello di filo di ferro da 10 cm di diametro
Colla per legno
Pinzetta da filatelia
Stuzzicadenti
Spillo
Forbici
Filo di nylon sottile
Foglio di carta per lucidi

Disegna sulla carta per lucidi le sagome dei pesci. In alternativa puoi usare un soggetto differente. Per realizzare il corpo del pesce, per prima cosa, prepara 18 gocce con le strisce di carta verde chiaro. Utilizza mezza striscia per ognuna. Arrotola ogni parte di striscia nel fuso e prepara 18 cerchi eccentrici. Con le dita pizzica la parte distante dal centro, creando così le gocce che non devono essere tutte uguali: per la misura aiutati con il disegno.

Realizza poi la bocca e l’occhio, che sono formati da rotolini compatti: arrotola sul fuso mezza striscia di carta, in modo che ogni giro si sovrapponga a quello precedente. Ti serviranno 2 rotolini rossi per la bocca e uno nero per l’occhio. Realizza così anche gli altri pesci: per quello arancione ti serviranno 11 gocce di carta arancio (più la bocca rossa e l’occhio nero); per quello azzurro 7 gocce di carta azzurra (più la bocca rossa e l’occhio nero, quest’ultimo creato con 1/3 di striscia nera).

Procedi ora con la realizzazione della coda e della pinne. Per il pesce verde, forma un cerchio base con la striscia intera di carta verde scuro e, dopo averlo incollato, schiaccialo tra le dita di entrambe le mani ai lati opposti del centro, per ottenere una specie di “mandorla”. Con un’altra striscia verde scuro fai una seconda “mandorla” simile alla precedente. Per la misura aiutati sempre con il disegno. Poi, con metà striscia verde scuro prepara una goccia e piega la punta da un lato. Con l’altra metà fai una seconda goccia uguale alla prima e piega la punta dal lato opposto rispetto alla prima. Procedi alla stessa maniera per realizzare la coda e le pinne degli altri due pesci, utilizzando però per ogni pezzo sempre mezza striscia: per quello arancio quelle giallo scuro, per quello azzurro quelle viola.

Aiutandoti con la pinzetta incomincia a montare i pezzi dei pesci dalla coda.Aggiungi le gocce che costituiscono il corpo, prima quelle esterne e poi quelle interne. Posiziona l’occhio e la bocca. Per ultime attacca le pinne e la coda: segui il disegno, ti sarà molto utile. Se la colla dovesse far attaccare il pesce al foglio di carta per lucidi, aspetta che si asciughi completamente: riuscirai a staccarlo con facilità.

Con le forbici taglia un pezzo di filo di nylon lungo circa 60 cm e annodane un’estremità. Pratica, con lo spillo, un piccolo foro sia sulla pancia del pesce sia sul dorso, prima delle pinne, e facci passare il filo. Comincia ad applicare il pesce verde, poi lascia 8 cm di filo libero, fai un secondo nodo e applica il pesce arancio. Lascia altri 8 cm liberi e attacca anche il pesce azzurro.Attacca con il filo di nylon le barrette sonore all’anello di ferro, partendo da quella più piccola e mantenendo la stessa distanza tra l’una e l’altra. Taglia due pezzi di filo di nylon lunghi circa 50 cm, agganciali al cerchio intrecciandoli tra di loro. Annoda i fili 15 cm al di sopra del cerchio e lega al nodo anche il filo dei pesci, in modo che questi rimangano al centro del cerchio.


Come Cambiare le Pastiglie dei Freni dell’Auto

Risulta essere molto importante far controllare periodicamente la nostra automobile proprio per una sicurezza personale. Tra le cose da controllare periodicamente, di particolare importanza sono i freni, che se non funzionano perfettamente possono causare seri problemi.

Vediamo come effettuare il cambio. Per realizzare l’articolo abbiamo utilizzato questa guida su come sostituire le pastiglie dei freni sul blog Manutenzioneauto.net.

Dopo avere acquistato le pastiglie per i freni, in base al modello della tua automobile, dovrai procedere alla sostituzione in questo modo: solleva l’auto con un cric e smonta la ruota con l’apposita chiave. A questo punto dovrai individuare la posizione delle pasticche, tenute ferme da dei gancetti e da un perno, che dovrai togliere per sostituire le pasticche.

Presta molta attenzione perchè le nuove pasticche saranno più spesse di quelle tolte, quindi potrebbe essere necessario l’impiego di un divaricatore che ti permetta di fare leva tra i pistoni facendoli ritirare nelle loro sedi. Per finire dopo aver sostituito le pastiglie, non ti resta che rimontare i gancetti ed i perni.

A questo punto non ti resta che provare l’auto, per far questo dovrai prima di tutto appoggiare l’auto a terra, e successivamente dovrai fare un giro di prova frenando, ovviamente con calma, per verificare il funzionamento delle nuove pastiglie e la differenza con quelle vecchie. Se il giro di prova è andato bene, hai fatto un ottimo lavoro!


Come Preparare la Frutta Caramellata

Oggi vedremo come soddisfare la vostra golosità preparando un dessert che dopo una bella serata a lume di candele non dovrà mancare. Risulta essere un piatto molto soddisfacente da gustare in ogni periodo dell’anno, quindi mettiamoci subito a lavoro, si comincia.

Occorrente
1 ananas
1 cestino di fragole
1 grossa arancia
1 bicchierino di Grand Marnier
50g di zucchero
2dl di panna fresca
2 cucchiai di zucchero a velo.

Prima di cominciare il tutto pulite l’ananas tagliando prima il ciuffo verde e poi la base. Con un coltello affilato eliminate la scorza dell’ananas tagliando in senso verticale dall’alto verso il basso. Eliminate le piccole asperità rimaste e tagliatelo in 8 fette in modo più regolare possibile. Con il levatorsoli eliminate la parte centrale dure. A questo punto pulite le fragole e tagliatele in 4 parti. Prelevate con un coltellino la scorza dell’arancia, solo la parte arancione, e tagliatela.

Adesso andate a sbollentate in acqua bollente per circa qualche minuto, poi alla fine scolate. Detto questo spremete l’arancia.Versate in una padella antiaderente lo zucchero e fatelo fondere a fuoco basso, poi alzate il fuoco e fatelo imbiondire, quindi unite il succo di arancia, il Grand Marnier, le scorze e mescolate in continuazione con un cucchiaio di legno. immergete nel caramello le fette di ananas e fatele insaporire un lato e dall’altro.

Disponete su un piatto le fette di anansa, e decorate con le fragole il caramello.
A questo punto montate la panna con le fruste elettriche e quando comincia ad addensarsi unite lo zucchero a velo, facendolo passare attraverso un setaccino. Al momento di servire decorate ogni piatto con una cucchiaiata di panna quindi aggiungete la frutta caramellata. Mettete la panna che vi è avanzata in una salsiera in modo tale che ognuno possa aggiungerne a loro piacere.


Come Preparare la Fugazza Vicentina

Se siete alla ricerca di un dolce tipico del periodo pasquale, allora questa ricetta fa al caso vostro. Imparerete infatti a realizzare la Fugazza Vicentina, una deliziosa focaccia dal sapore irresistibile grazie alle mandorle allo zucchero in granella. Le dosi sono per 4 persone e il tempo di preparazione è di circa 4 ore.

Occorrente
150 gr. di pasta di pane
500 gr. di farina bianca
50 gr. di mandorle tritate
50 gr. di zucchero in granella
150 gr. di zucchero
5 uova
1 limone
10 gr. di lievito di birra
1 bustina di vanillina
Latte quanto basta
150 gr. di burro
Sale quanto basta

Mettete sulla spianatoia la pasta di pane e aggiungetevi 150 gr. di farina e il lievito diluito in poco latte tiepido; amalgamate il tutto, unendo se occorre dell’altro latte tiepido, fino a ottenere un impasto sodo, che lascerete lievitare coperto in una terrina per circa un’ora. Trascorso il tempo di riposo, riprendete il panetto, incavatelo al centro e versatevi 2 uova intere e un tuorlo, 150 grammi di farina e 75 grammi di burro.

Arrivati a questo punto impastate tutto, sbattendo l’impasto sul tavolo per renderlo elastico e mettetelo nella terrina a lievitare, coperto, per un’altra ora. Riprendetelo e unite la scorza del limone, la farina e il burro rimasti, lo zucchero, la vanillina, un pizzico di sale e 2 uova; impastate tutto di nuovo, finché risulterà perfettamente omogeneo, poi formatene un panetto, praticatevi un taglio a croce sulla sommità e lasciatelo lievitare per altre 2 ore.

Montate a neve ben soda l’albume rimasto. Terminata l’ultima lievitazione, riprendete il panetto e lavoratelo per 10 minuti; poi mettetelo sulla placca da forno imburrata e circondatelo con una striscia di cartone tenuta più larga di 5 centimetri; quindi pennellatevi sopra l’albume, cospargetevi le mandorle tritate e la granella di zucchero e infornate a 180°C per 50 minuti. Servite freddo.